c3_r.jpg (854 byte)
a_s_tr.gif (999 byte)
Cerca nel sito:  
a_d_tr.gif (996 byte)
ARCO DI SETTIMIO SEVERO
La costruzione dell'arco di Settimio Severo risale al 203 d.C., come si ricava dall'iscrizione, per celebrare i primi dieci anni del suo impero. I rilievi, molto erosi, celebrano le vittorie dell'imperatore in Partia (attuali Iraq e Iran) e in Arabia. In origine, la scritta sulla sommitÓ dell'arco era dedicata a Settimio e ai suoi due figli, Caracalla e Geta, ma, dopo la morte di Settimio, Caracalla fece assassinare Geta e cancellare il suo nome dall'arco. Nonostante ci˛, sono ancora ben visibili i buchi dove erano inserite le lettere del suo nome. Si tratta di un arco a tre fornici, alto metri 20,88, largo 23,27 e profondo 11,20. L'arco, di travertino e mattoni, Ŕ interamente rivestito di marmo. La superficie Ŕ animata da quattro colonne composite per facciata, poggianti su alte basi. Al di sopra dell'arco, come appare da una moneta del 204 che lo rappresenta, era una quadriga di bronzo con gli imperatori. Durante il Medioevo, il fornice centrale, mezzo sepolto e in rovina, fu utilizzato come negozio di barbiere. Nello stesso periodo, era stata addossata all'arco una torre di proprietÓ dei nobili Brachis e fu per questo motivo che il luogo assunse l'appellativo di "Le Brache".
Torna indietro